Breaking News:
  • Registrati

Scienzaonline

Home Scienze Naturali Paleontologia Paleontologia Generale L'ULTIMO PASTO PER UN FOSSILE DI SAURICHTHYS NE RIVELA GLI ORGANI INTERNI

L'ULTIMO PASTO PER UN FOSSILE DI SAURICHTHYS NE RIVELA GLI ORGANI INTERNI

E-mail
(0 voti, media 0 di 5)
Evincere gli organi interni di un fossile di solito è un lavoro quasi impossibile per i paleontologi. La fossilizzazione, evento raro ed imprevedibile, data la particolare natura delle condizioni chimico-fisico necessarie, nella maggior parte dei casi, non conserva i tessuti molli e gli organi interni degli animali. Un fossile in particolare, ritrovato nel sud della Svizzera, oggi ci svela grazie al suo ultimo pasto la forma del suo intestino.
Studiato dai paleontologi dell'Università di Zurigo (http://www.uzh.ch/) un predatore del genere Saurichthys, pesce fossile del Triassico, dimostra di possedere un intestino a spirale simile a squali e razze. Questa scoperta riempe un gap di conoscenza sulla evoluzione del tratto gastrointestinale dei vertebrati.
L'ultimo pasto di questo pesce fossile, ritrovato in eccezionale stato di conservazione, ha permesso di ricostruire con accurata precisione, il tratto gastrointestinale e di studiare quindi la sua forma e anatomia, per la prima volta al mondo.
I ricercatori si sono accorti della eccezionale scoperta, quando il fossile, proveniente dal famoso giacimento di Monte San Giorgio, in Canton Ticino, veniva preparato in laboratorio. Una visione sotto la luce UV ha permesso di mettere in evidenza l'ultimo pasto del predatore e quindi vedere la forma del tratto gastrointestinale. Per rendere la ricerca utile e completa gli studiosi hanno realizzato una documentazione sulla anatomia di un largo numero di pesci fossili oggi estinti. Inoltre sono state realizzate dei calcoli statistici sulla forma e l'anatomia dei tratti gastrointestinali dei vertebrati fossili mettendo in evidenza la lacuna scientifica su tale argomento.

Uno stile di vita attivo

La scoperta di tale fossile e della sua anatomia gastrointestinale mette in evidenza che; la somiglianza con il tratto gastrointestinale degli attuali squali e razze, predatori attivi e con uno stile di vita attivo ed energeticamente elevato, dimostra che gli avvolgimenti a spirale del tratto gastrointestinale permette di ottenere una maggior quantità di energia dai propri pasti, e quindi una vita da predatore attivo dotato di energia e velocità nei movimenti. Questa scoperta conferma le ipotesi del passato sulla vita di questo predatore dei mari antichi, aggiungendo un tassello evolutivo importante nella storia dei Vertebrati.
Credit: Image courtesy of University of Zurich
Citazioni: Thodoris Argyriou, Marcus Clauss, Erin E. Maxwell, Heinz Furrer, and Marcelo R. Sánchez-Villagra. Exceptional preservation reveals gastrointestinal anatomy and evolution in early actinopterygian fishes. Scientific Reports. January 6, 2016. Doi: 10.1038/srep18758
 

Non hai i permessi per commentare

VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

LAVORI IN CORSO

LAVORI IN CORSO - Nuovo sistema di gestione in collaudo
VI PREGHIAMO DI SCUSARCI PER I DISAGI
STIAMO IMPORTANDO IL DATABASE DI
TUTTI GLI ARTICOLI DI SCIENZAONLINE
DAL 2003 AD OGGI

SCIENZAONLINE.COM

  • Ultime News
  • News + lette
Il Grafene, il nano-materiale che migliorerà la nostra vita

Il Grafene, il nano-materiale che...

2010-11-23 00:00:00

Musicolor

Musicolor

2009-02-18 00:00:00

I Della Robbia e la storia della terracotta invetriata

I Della Robbia e la storia della...

2009-03-18 00:00:00

Giovanni Papi - Prata Caelestia

Giovanni Papi - Prata Caelestia

2009-11-17 00:00:00

Autorizzazioni

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew 
Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

 

Hot Topic

Ultimi Commenti

X

.

Pubblica il tuo Articolo

Hai scritto un Articolo scientifico? Inviaci il tuo articolo, verrà valutato e pubblicato se ritenuto valido! Fai conoscere la tua ricerca su Scienzaonline.com!

Ogni mese la nostra rivista è letta da + di 50'000 persone

Information

Information

Ultime News

Redazione

Contatta la Redazione di Scienzaonline.com per informazioni riguardanti la rivista
Pagina Contatti

Questo sito utilizza cookie per implementare la tua navigazione e inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information