Scienzaonline - Ultimi Articoli

La molecola che ripulisce gli ingranaggi della memoria

La molecola che ripulisce gli ingranaggi della memoria

06 Agosto 2020

Ricercatori dell’Istituto di biochimica e biologia cellulare del Consiglio nazionale...

Didattica a distanza: il 65 per cento delle mamme-lavoratrici non la ritiene conciliabile con il lavoro

Didattica a distanza: il 65 per cento delle mamme-lavoratrici non la ritiene conciliabile con il lavoro

06 Agosto 2020

Il 65 per cento delle mamme-lavoratrici non ritiene conciliabile DAD...

Virus umano sconosciuto legato ai tumori mammari individuato in resti umani dell’Età del Rame e del Rinascimento

Virus umano sconosciuto legato ai tumori mammari individuato in resti umani dell’Età del Rame e del Rinascimento

06 Agosto 2020

La ricerca coordinata da Generoso Bevilacqua, già professore di Anatomia...

Al via il concorso fotografico di WWF SUB

Al via il concorso fotografico di WWF SUB

06 Agosto 2020

Nell’ambito della Campagna GenerAzione Mare 2020, WWF S.U.B (Save Underwater...

Energia per la vita dalle profondità della terra: studio di cui è capofila UniTo apre nuovi scenari geologici

Energia per la vita dalle profondità della terra: studio di cui è capofila UniTo apre nuovi scenari geologici

06 Agosto 2020

Secondo la ricerca, realizzata con la borsa Rita Levi Montalcini...

Mercoledì, 18 Settembre 2019
Mercoledì, 18 Settembre 2019 13:12

La bellezza è soggettiva. Lo dicono gli algoritmi


Un team di ricercatori del Dipartimento di Fisica della Sapienza ha proposto un innovativo metodo d’analisi che utilizza gli algoritmi per indagare le proprietà del volto dalle quali dipende la percezione della bellezza del volto. I risultati dello studio, pubblicati sulla rivista Scientific Reports, hanno evidenziato la soggettività alla base del criterio estetico
Sappiamo riconoscere in modo immediato se un volto ci piace o meno, ma quali sono le proprietà del volto dalle quali dipende la percezione della sua bellezza? L'origine e il significato della bellezza del viso hanno affascinato gli studiosi per secoli, dagli antichi canoni greci, fino al più recente machine learning.

Tuttavia, nonostante l’esistenza di una letteratura ricca e multidisciplinare, molte domande fondamentali in questo ambito, sia sulla natura stessa della bellezza facciale e dei suoi determinanti, sia sull’origine delle differenze interpersonali tra i criteri estetici restano ancora senza risposta. Non sembra esistere infatti una regola semplice, in termini di poche caratteristiche di un volto, che possa determinarne con alta probabilità la bellezza percepita.

Pubblicato in Medicina

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery