Scienzaonline - Ultimi Articoli

L'Università di Torino tra i partner di AcrticHubs, il progetto dell’Unione Europea per la sostenibilità dell’Artico

L'Università di Torino tra i partner di AcrticHubs, il progetto dell’Unione Europea per la sostenibilità dell’Artico

03 Agosto 2020

Il 1° agosto 2020 è stato lanciato ArcticHubs, un'ambiziosa collaborazione...

Colpi di calore nell’anziano: cause, sintomi e come prevenirli. Lo chiediamo all’esperto

Colpi di calore nell’anziano: cause, sintomi e come prevenirli. Lo chiediamo all’esperto

03 Agosto 2020

Con l’arrivo dell’estate e l’innalzamento delle temperature, il nostro organismo...

Al via il "Self tour Plastic Free" per liberare le spiagge dalla plastica

Al via il "Self tour Plastic Free" per liberare le spiagge dalla plastica

31 Luglio 2020

Un'attività fai da te e una nuova community social per...

#Ricerca. Dati a confronto: Covid19 colpisce anche la tiroide

#Ricerca. Dati a confronto: Covid19 colpisce anche la tiroide

31 Luglio 2020

Confermata l’ipotesi di una relazione tra Coronavirus e disfunzione tiroidea....

L'orsa JJ4 non si tocca

L'orsa JJ4 non si tocca

31 Luglio 2020

Esultano Lac, Lav, Lipu, LNDC e WWF, perché l'udienza che...

MALATTIE RARE: IDENTIFICATA UNA NUOVA SINDROME DEL NEUROSVILUPPO RISCONTRATA IN 7 BAMBINI NEL MONDO

MALATTIE RARE: IDENTIFICATA UNA NUOVA SINDROME DEL NEUROSVILUPPO RISCONTRATA IN 7 BAMBINI NEL MONDO

31 Luglio 2020

Lo studio è stato condotto dall’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù insieme...

L’arrivo dei Longobardi in Italia: un’analisi biomolecolare

L’arrivo dei Longobardi in Italia: un’analisi biomolecolare

29 Luglio 2020

Un nuovo studio coordinato dal Laboratorio di Paleoantropologia e bioarcheologia...

La tartaruga marina depone le uova a Orbetello

La tartaruga marina depone le uova a Orbetello

29 Luglio 2020

E’ la seconda volta che una tartaruga marina (Caretta caretta)...

Venerdì, 20 Settembre 2019

 

Uno studio condotto da un team internazionale, coordinato da un ricercatore del Dipartimento di Biologia e biotecnologie Charles Darwin della Sapienza, ha dimostrato che le aree di natura selvaggia, dove l’impatto umano è minimo o assente, giocano un ruolo fondamentale per la conservazione della biodiversità. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Nature
Le aree di natura selvaggia o “wilderness” - dove l’impatto umano è stato assente o minimo - sono in forte declino. L’ultimo report mostra che dal 1990 sono stati persi globalmente oltre 3 milioni di km quadrati di wilderness (paragonabile a un’area delle dimensione dell’India); oggi queste aree coprono meno del 20% delle terre emerse. Eppure fino ad oggi non era chiaro quale fosse l’impatto di tale perdita sulla biodiversità.

Un nuovo studio, coordinato da Moreno Di Marco del Dipartimento di Biologia e biotecnologie Charles Darwin della Sapienza, ha evidenziato l’importanza di questi territori per la conservazione della biodiversità.

In particolare, lo studio ha dimostrato che le aree di wilderness sono di interesse critico per prevenire il rischio di estinzione di molte specie. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Nature.

L’analisi ha utilizzato una piattaforma innovativa per modellizzare la distribuzione della biodiversità, sviluppata dall’ente nazionale di ricerca Australiano CSIRO (Commonwealth Scientific and Industrial Research Organisation). Questo strumento è in grado di fornire stime ad alta risoluzione della probabilità di perdita di specie su scala globale. I ricercatori hanno integrato tali informazioni con la recente mappa di distribuzione delle aree di wilderness, sviluppata dall’organizzazione americana Wildlife Conservation Society (in collaborazione con l’Università del Queensland in Australia).

Pubblicato in Ambiente

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery