Scienzaonline - Ultimi Articoli

L'Università di Torino tra i partner di AcrticHubs, il progetto dell’Unione Europea per la sostenibilità dell’Artico

L'Università di Torino tra i partner di AcrticHubs, il progetto dell’Unione Europea per la sostenibilità dell’Artico

03 Agosto 2020

Il 1° agosto 2020 è stato lanciato ArcticHubs, un'ambiziosa collaborazione...

Colpi di calore nell’anziano: cause, sintomi e come prevenirli. Lo chiediamo all’esperto

Colpi di calore nell’anziano: cause, sintomi e come prevenirli. Lo chiediamo all’esperto

03 Agosto 2020

Con l’arrivo dell’estate e l’innalzamento delle temperature, il nostro organismo...

Al via il "Self tour Plastic Free" per liberare le spiagge dalla plastica

Al via il "Self tour Plastic Free" per liberare le spiagge dalla plastica

31 Luglio 2020

Un'attività fai da te e una nuova community social per...

#Ricerca. Dati a confronto: Covid19 colpisce anche la tiroide

#Ricerca. Dati a confronto: Covid19 colpisce anche la tiroide

31 Luglio 2020

Confermata l’ipotesi di una relazione tra Coronavirus e disfunzione tiroidea....

L'orsa JJ4 non si tocca

L'orsa JJ4 non si tocca

31 Luglio 2020

Esultano Lac, Lav, Lipu, LNDC e WWF, perché l'udienza che...

MALATTIE RARE: IDENTIFICATA UNA NUOVA SINDROME DEL NEUROSVILUPPO RISCONTRATA IN 7 BAMBINI NEL MONDO

MALATTIE RARE: IDENTIFICATA UNA NUOVA SINDROME DEL NEUROSVILUPPO RISCONTRATA IN 7 BAMBINI NEL MONDO

31 Luglio 2020

Lo studio è stato condotto dall’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù insieme...

L’arrivo dei Longobardi in Italia: un’analisi biomolecolare

L’arrivo dei Longobardi in Italia: un’analisi biomolecolare

29 Luglio 2020

Un nuovo studio coordinato dal Laboratorio di Paleoantropologia e bioarcheologia...

La tartaruga marina depone le uova a Orbetello

La tartaruga marina depone le uova a Orbetello

29 Luglio 2020

E’ la seconda volta che una tartaruga marina (Caretta caretta)...

Lunedì, 30 Settembre 2019


L’inquinamento può determinare dove e quanto pioverà: è questa la conclusione cui giunge lo studio condotto dal gruppo di ricerca guidato da Claudia Pasquero, professore associato di oceanografia e fisica dell’atmosfera presso l’Università di Milano-Bicocca.

La ricerca, dal titolo “Variability of orographic enhancement of precipitation in the Alpine Region”, pubblicata su “Scientific Reports” (DOI: https://doi.org/10.1038/s41598-019-49974-5), ha preso in esame i dati relativi alle piogge, raccolti presso oltre 3000 stazioni pluviometriche situate a quote diverse nella regione alpina. Per la prima volta lo studio, cofinanziato da Fondazione Cariplo, prende in esame un’area geografica così ampia e una banca dati assai consistente, ponendosi come un ulteriore passo in avanti nel dimostrare la correlazione tra inquinamento e piogge.

Normalmente i versanti montani provocano la risalita delle masse d’aria umida, favorendo la formazione di nubi e precipitazioni, generalmente maggiori nelle zone montuose rispetto a quelle pianeggianti. In diverse parti dell’arco Alpino, infatti, le precipitazioni superano i 2 metri all’anno, mentre le piogge annuali in Pianura Padana spesso non raggiungono 1 metro.

Pubblicato in Ambiente

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery