Over the rainbow, la rinascita In evidenza

Saideke Balai – Worrions of the Rainbow: Seediq Bale

SaideKe Balai – Worrions of the Rainbow: Seediq Bale di Te-Sheng Wei, in concorso a Venezia ’68, è un vero e proprio kolossal prodotto, tra gli altri, da John Woo. Ben 25 milioni di dollari per raccontare il tentativo di ribellione della tribù aborigena degli Atayal contro i coloni giapponesi, insediati nell’isola di Taiwan dal 1895 al 1945. Il rigoglioso territorio di Wushe, pieno di acqua, minerali, montagne, sembra sacro e magico già al primo impatto con la pellicola; infatti, la storia di questo massacro trascende la legge della guerra prodotta dell’uomo, innalzandola ad una dimensione alta, come un arcobaleno di sacralità intriso di dolore, rimorso e sangue. Siamo di fronte ad una natura che impone leggi dolorose, inondate di sangue ad ogni tappa della vita, partendo da quella iniziatica del guerriero, affinché possa fregiarsi con orgoglio dei tatuaggi di appartenenza…altro che moda e frivolezza odierne! Per noi occidentali di oggi è difficile comprenderlo ma la purezza delle tradizioni, del rispetto dei morti – anche i latini avevano il culto dei Lari e dei Penati – come la donazione della propria vita per una causa d’appartenenza intima, potrebbero condurre lo spettatore alla riscoperta dell’essenza e del valore dell’essere. La morte certa a cui vanno incontro i ribelli, vincendo per orgoglio e principio già in partenza, pur nella sconfitta e nel massacro sacrificale, è un tema già contemplato nella letteratura teatrale ma qui, purtroppo, è un drammatico riporto storico. Shakespeare, ad esempio, ne parla per bocca di Amleto, nel monologo del IV Atto, a proposito di Fortebraccio, ultimo appello, per giunta, della sua coscienza al principe indeciso.

 

Nel film, c’è il grande capo temerario e carismatico – Mouna Rudo - e c’è chi è debole e non sa prendere posizioni, ci sono buoni e cattivi che stringono alleanze ma quel che conta e prevarica qualsiasi legame è la difesa delle tradizioni ancestrali. Una delle scene più poetiche, infatti, è il colloquio tra il capo dei selvaggi e suo padre morto, che scompare in dissolvenza dentro l’acqua purificatrice della cascata. Va aggiunto, tuttavia, che la sceneggiatura non è proprio perfetta, si ravvisano, infatti, delle lacune – le donne decise al suicidio, col volto dipinto, lasciando i piccoli da soli, sono in contrasto con il desiderio del capo di lasciare a sua sorella il testimonio per la continuazione del clan. Le scene di massacro, inoltre, pur accattivanti nel ritmo, sono molto ridondanti, a volte a scapito dell’introspezione psicologica dei personaggi e sacrificano, in generale, un’esplicazione più chiara dei vari step del plot.

 

 

Margherita Lamesta

 

 

Ultima modifica il Martedì, 06 Marzo 2012 14:19
Vota questo articolo
(0 Voti)
Super User

Curabitur ultrices commodo magna, ac semper risus molestie vestibulum. Aenean commodo nibh non dui adipiscing rhoncus.

Sito web: www.themewinter.com
Altro in questa categoria: « Diana Vreeland e il fashion editing

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery