Ultimi Articoli

Compulsory Animals in Modern History curriculum in school worldwide - NOW
30 Maggio 2020

Stevan Zivkov Andricin ha lanciato questa petizione e l'ha diretta...

Il recettore GPR17 come potenziale bersaglio farmacologico per il trattamento della SLA
29 Maggio 2020

I risultati di un progetto pilota finanziato da AriSLA (Fondazione...

Planting trees on coffee fields and plantations can protect coffee plants from climate change
29 Maggio 2020

Will we still drink coffee in the future, and will...

Rischio genetico del melanoma: la ricerca pubblicata su Nature Genetics
29 Maggio 2020

Una collaborazione internazionale tra 115 istituzioni in tutto il mondo,...

‘Near-unlivable’ heat for one-third of humans within 50 years if greenhouse gas emissions are not cut
29 Maggio 2020

Areas of the planet home to one-third of humans will...

A genomic analysis in samples of Neanderthals and modern humans shows a decrease in ADHD-associated genetic variants
29 Maggio 2020

The experts Paula Esteller, Bru Cormand and Òscar Lao. The...

Condizioni abitative e disagio psico-fisico nel periodo di lockdown
29 Maggio 2020

Che impatto ha la casa in cui viviamo sulla nostra...

Coronavirus: the importance of ventilation
29 Maggio 2020

Droplets produced by coughing, photographed using laser techniques. The large...

Sabato, 10 Febbraio 2018
 
La presenza concomitante di tre proteine in donne con tumore ovarico e' associata a un tumore piu' aggressivo. Le tre proteine sono i recettori dell'endotelina, la b-arrestina e hMENA. A rivelarlo e' uno studio interdisciplinare dell'Istituto Regina Elena, coordinato da Laura Rosano' in collaborazione con Anna Bagnato, del laboratorio di Modelli preclinici e nuovi agenti terapeutici. I risultati sono pubblicati su Pnas e la ricerca e' stata condotta grazie al sostegno di Airc. Le metastasi tumorali rappresentano una delle cause piu' frequenti di mortalita' nelle donne con carcinoma ovarico. Comprendere le ragioni della diffusione metastatica e' una delle sfide piu' importanti che la ricerca sul cancro tenta di affrontare. Una cellula tumorale per diventare metastatica deve invadere il tessuto circostante, modificando innanzitutto il proprio citoscheletro, ossia quel complesso di filamenti proteici che ne costituiscono l'impalcatura e controllano forma e funzione. La cellula invasiva si fa strada creando delle tracce nel tessuto circostante e lo fa grazie a delle protrusioni chiamate invadopodi. Questo studio dimostra che il recettore per l'endotelina, in associazione con la proteina b-arrestina, guida la formazione di invadopodi maturi sia nel tempo sia nello spazio. Inoltre dal lavoro emerge che la proteina del citoscheletro hMENA e' un elemento chiave di questi processi, dato che agisce legando il recettore dell'endotelina e la b-arrestina, e crea cosi' un'interazione sinergica mai studiata prima nei tumori.
Pubblicato in Medicina

Medicina

Il recettore GPR17 come potenziale bersaglio farmacologico per il trattamento della SLA

Il recettore GPR17 come potenziale bersaglio farmacologico per il trattamento della SLA

29 Maggio 2020

I risultati di un progetto pilota finanziato da AriSLA (Fondazione...

Paleontologia

Quando gli elefanti popolavano il Nord Europa

Quando gli elefanti popolavano il Nord Europa

25 Maggio 2020

Il Dipartimento di Scienze dell’antichità della Sapienza ha partecipato al ritrovamento di uno scheletro...

Geografia e Storia

EcoSismaBonus e Geotermia nel Decreto Rilancio: geologi soddisfatti, ora necessaria normativa nazionale

EcoSismaBonus e Geotermia nel Decreto Rilancio: geologi soddisfatti, ora necessaria normativa nazionale

27 Maggio 2020

"Esprimiamo soddisfazione per le previsioni nel Decreto Rilancio delle nuove misure per l'EcoSismaBonus e,...

Astronomia e Spazio

Fotografato il getto relativistico prodotto dalla sorgente GW170817

Fotografato il getto relativistico prodotto dalla sorgente GW170817

22 Febbraio 2019

Un team internazionale di ricercatori ha analizzato dati provenienti da 33...

Scienze Naturali e Ambiente

WWF: "Bene la chiusura del carbone a Brindisi"

WWF: "Bene la chiusura del carbone a Brindisi"

29 Maggio 2020

Nel 2021 chiuderà il Gruppo 2 a carbone della Centrale Federico...

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery