Scienzaonline - Ultimi Articoli

Mi scordo perché mangio

Mi scordo perché mangio

26 Ottobre 2021

La salute metabolica richiede anche una buona memoria. Uno studio...

Il senso del ritmo dei "lemuri cantanti" del Madagascar così simili agli umani

Il senso del ritmo dei "lemuri cantanti" del Madagascar così simili agli umani

25 Ottobre 2021

Per 12 anni i ricercatori dell’Università di Torino hanno studiato...

Simulare il mondo quantistico dei laser con atomi ultrafreddi

Simulare il mondo quantistico dei laser con atomi ultrafreddi

22 Ottobre 2021

La simulazione quantistica permette di affrontare problemi complessi inaccessibili al...

Anticorpi monoclonali e varianti Covid: studio UniTS su Scientific Reports

Anticorpi monoclonali e varianti Covid: studio UniTS su Scientific Reports

22 Ottobre 2021

Una ricerca del team dell’Università di Trieste pubblicata sulla rivista...

Terapia genica oculare al Policlinico Vanvitelli di Napoli: trattati dieci bambini ipovedenti da tutta Italia.

Terapia genica oculare al Policlinico Vanvitelli di Napoli: trattati dieci bambini ipovedenti da tutta Italia.

20 Ottobre 2021

L’Azienda Ospedaliera dell’Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli” protagonista...

Anche le galassie satellite crescono “mangiando” galassie più piccole

Anche le galassie satellite crescono “mangiando” galassie più piccole

20 Ottobre 2021

Lo dimostra un nuovo studio, realizzato da ricercatori dell’Università di...

Si chiama Smart upgrading la nuova tecnologia pulita sviluppata dai ricercatori del dipartimento di Scienza dei Materiali dell’Università di Milano-Bicocca che “lava” il biogas eliminando la CO2 per ottenere metano. La sperimentazione è avvenuta nella ex discarica di CEM Ambiente a Cavenago Brianza e ha dato risultati positivi. Ora si parte con la realizzazione di un prototipo di impianto industriale.

Milano, 27 aprile 2015 - Produrre biometano dai rifiuti organici con costi inferiori a quelli attuali utilizzando composti a basso impatto ambientale in grado di catturare la CO2. Tutto questo grazie a un nuovo impianto per la produzione di biometano da immettere in rete e da utilizzare per dare gas, luce e riscaldamento a circa 5mila abitazioni del territorio, per un controvalore economico di 3,5milioni di euro. Si potrà realizzare grazie alla tecnologia "Smart upgrading" sviluppata dai ricercatori del Dipartimento di Scienza dei Materiali dell’Università di Milano-Bicocca che nei giorni scorsi hanno conlcuso la sperimentazione presso la ex discarica di CEM Ambiente a Cavenago in provincia di Monza e Brinanza, in seguito a un accordo di collaborazione tra l’azienda e l’Università. Finita la fase sperimentale, ora si parte con la realizzazione di un prototipo di impianto industriale che sarà pronto per l’estate.

Cavenago Brianza, 16 dicembre 2015 - A otto mesi dalla prima sperimentazione, vede la luce il prototipo di impianto industriale realizzato con la nuova tecnologia Smart upgrading che “lava” il biogas eliminando la CO2 per ottenere metano. Sviluppata dai ricercatori del Dipartimento di Scienza dei Materiali dell’Università di Milano-Bicocca e sperimentata nella ex discarica di CEM Ambiente a Cavenago Brianza con risultati positivi, oggi la tecnologia ha consentito la realizzazione del primo impianto vero e proprio, che ha lo scopo di verificare l’efficienza della tecnologia sviluppata in condizioni reali di lavoro attraverso l’utilizzo del biogas prodotto presso CEM Ambiente.

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery