Scienzaonline - Ultimi Articoli

Mi scordo perché mangio

Mi scordo perché mangio

26 Ottobre 2021

La salute metabolica richiede anche una buona memoria. Uno studio...

Il senso del ritmo dei "lemuri cantanti" del Madagascar così simili agli umani

Il senso del ritmo dei "lemuri cantanti" del Madagascar così simili agli umani

25 Ottobre 2021

Per 12 anni i ricercatori dell’Università di Torino hanno studiato...

Simulare il mondo quantistico dei laser con atomi ultrafreddi

Simulare il mondo quantistico dei laser con atomi ultrafreddi

22 Ottobre 2021

La simulazione quantistica permette di affrontare problemi complessi inaccessibili al...

Anticorpi monoclonali e varianti Covid: studio UniTS su Scientific Reports

Anticorpi monoclonali e varianti Covid: studio UniTS su Scientific Reports

22 Ottobre 2021

Una ricerca del team dell’Università di Trieste pubblicata sulla rivista...

Terapia genica oculare al Policlinico Vanvitelli di Napoli: trattati dieci bambini ipovedenti da tutta Italia.

Terapia genica oculare al Policlinico Vanvitelli di Napoli: trattati dieci bambini ipovedenti da tutta Italia.

20 Ottobre 2021

L’Azienda Ospedaliera dell’Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli” protagonista...

Anche le galassie satellite crescono “mangiando” galassie più piccole

Anche le galassie satellite crescono “mangiando” galassie più piccole

20 Ottobre 2021

Lo dimostra un nuovo studio, realizzato da ricercatori dell’Università di...

Il programma scientifico della missione FUTURA di Samantha Cristoforetti è ricco di esperimenti che avranno un ritorno positivo per l'Italia e l'Europa, in termini di conoscenza e di innovazione tecnologica. Tra i nove progetti selezionati e sviluppati dall’Agenzia Spaziale Italiana per @AstroSamantha, uno ha l’obiettivo di approfondire la conoscenza sui meccanismi fisiologici del sonno in microgravità. Proposto dalla Fondazione Don Gnocchi e svolto in collaborazione con l'Istituto Auxologico Italiano, si chiama Wearable Monitoring: proprio nelle scorse settimane l’astronauta ha svolto con successo le prime tre registrazioni notturne previste dal progetto.
In microgravità la qualità del sonno è ridotta e questo può portare ad una diminuzione dell’attenzione e della vigilanza durante la veglia. Tuttavia, precedenti studi indicano che la struttura del sonno e dell’elettroencefalogramma sono normali. L’ipotesi da cui parte l’esperimento è che la ridotta qualità del sonno può dipendere da micro-risvegli autonomici sottocorticali.

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery