Scienzaonline - Ultimi Articoli

Il recettore GPR17 come potenziale bersaglio farmacologico per il trattamento della SLA

Il recettore GPR17 come potenziale bersaglio farmacologico per il trattamento della SLA

29 Maggio 2020

I risultati di un progetto pilota finanziato da AriSLA (Fondazione...

Rischio genetico del melanoma: la ricerca pubblicata su Nature Genetics

Rischio genetico del melanoma: la ricerca pubblicata su Nature Genetics

29 Maggio 2020

Una collaborazione internazionale tra 115 istituzioni in tutto il mondo,...

WWF: "Bene la chiusura del carbone a Brindisi"

WWF: "Bene la chiusura del carbone a Brindisi"

29 Maggio 2020

Nel 2021 chiuderà il Gruppo 2 a carbone della Centrale...

309 calorie di cioccolato fondente fanno bene al cuore

309 calorie di cioccolato fondente fanno bene al cuore

29 Maggio 2020

Sempre più frequentemente si parla dei benefici del cioccolato, specialmente...

Aprono le iscrizioni per i campi a tutela dell'Orso marsicano

Aprono le iscrizioni per i campi a tutela dell'Orso marsicano

29 Maggio 2020

Continua la campagna per la conservazione dell’Orso bruno marsicano del...

MASCHERINE “GENERICHE” (DI COMUNITÀ): IN ARRIVO I RIFERIMENTI SULLE PRESTAZIONI FILTRANTI E I METODI DI PROVA

MASCHERINE “GENERICHE” (DI COMUNITÀ): IN ARRIVO I RIFERIMENTI SULLE PRESTAZIONI FILTRANTI E I METODI DI PROVA

28 Maggio 2020

Nei prossimi mesi milioni di italiani utilizzeranno le mascherine “generiche”...

 

A 30 anni dalle stragi di Sabra e Chatila la Casa della Memoria e della Storia di Roma, in collaborazione con Zétema Progetto Cultura e l'Assessorato alle Politiche Culturali del Comune, propone una stimolante esposizione fotografica per ricordare uno dei più efferati crimini di guerra del conflitto mediorientale.

“Notte molto nera. Sabra e Chatila una memoria scomoda” è il titolo della mostra le cui immagini sono state scattate in Libano dalla fotografa ed antropologa Laura Cusano nel settembre del 2010 durante un viaggio al seguito del Comitato per non dimenticare Sabra e Chatila, istituito nel 2000 per volontà del giornalista Stefano Chiarini.

Era il 1982, precisamente tra il 16 e 18 settembre, quando le falangi cristiane del governo libanese attaccarono i campi profughi palestinesi di Chatila e Sabra alla periferia di Beirut, territori posti sotto il controllo dell'esercito israeliano, uccidendo circa 3500 individui compresi donne e bambini. Nonostante tale atto sia stato riconosciuto dalla comunità internazionale quale “crimine di guerra”, ad oggi i responsabili diretti e coloro che diedero l'ordine di esecuzione non sono stati ancora processati.

L'intento della mostra è quello di sottrarre tale massacro all'oblio, rendere omaggio alla vittime ed ai familiari sopravvissuti ed offrire uno spunto di riflessione sulle condizioni attuali dei profughi palestinesi in Medioriente.

 

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery